aumento degli zigomi


È indubbio come uno dei parametri per valutare la giovinezza di un volto sia l’entità del volume dell’area zigomatica. Il profilo del viso, visto in ¾ deve essere “ogivale”, vale a dire:

avere una linea armoniosamente curva che presenti una convessità superiormente a livello zigomatico per poi divenire progressivamente concava a livello della commissura orale. Con il passare del tempo assistiamo ad una progressiva discesa verticale dei tessuti che si traduce con la perdita del profilo ogivale e una conseguente concavità della regione zigomatica e talvolta una pienezza a livello mandibolare. Anche alcune giovani possono presentare una mancanza di questa linea armonica: sono ragazze che, per motivi genetici, hanno una struttura ossea poco sviluppata a livello zigomatico-malare pur in presenza di tessuti molli ben sviluppati tonici e non discesi.

Dunque, nell’ottica di un ringiovanimento e miglioramento del volto, l’imperativo è trattare la regione zigomatica.

Ai nostri giorni disponiamo di varie frecce nella nostra faretra, chirurgiche e non chirurgiche.

 

– Protesi zigomatiche: sono protesi in silicone di forma e volume variabili che vengono posizionate in profondità a contatto dell’osso tramite un accesso orale o palpebrale inferiore. Per evitare un loro spostamento vengono fissate ai tessuti vicini. Il vantaggio consiste nel consistente e permanente aumento di volume dell’area. Gli svantaggi possono risiedere nella mobilità, nell’eccesso di volume se non opportunamente calibrato, nel fatto che è sempre un corpo estraneo.

 

Lipofilling: è una tecnica che permette anche ottimi risultati, senza incorrere nei rischi collegati con i corpi estranei. Vi è, però, sempre una percentuale di riassorbimento del grasso iniettato che non permette a priori di stimare il risultato finale. È possibile, comunque, aggiungere altro grasso dopo alcuni mesi.

 

– Lifting facciali: attualmente in tutti i tipi di lifting del viso di moderna concezione si mettono in atto delle metodiche per ricreare una prominenza a livello zigomatico: sospensioni particolari dei tessuti tramite fili di sutura, plicature particolari dei tessuti, lipofilling, introduzione di protesi zigomatiche, ecc. Tra le varie tecniche sottolineiamo il lifting del 1/3 medio (lifting medio facciale).

 

– Filler: l’utilizzo di filler riassorbibili (acido ialuronico) permette l’ottenimento di significativi miglioramenti a fronte di una minima invasività e di una sostanziale sicurezza (utilizzando filler riassorbibili). I risultati sono immediati e attualmente si stimano durare sui 12 mesi purché si utilizzi una adeguata quantità di materiale. Il trattamento può essere suddiviso in varie sedute sino all’ottenimento del risultato desiderato.

Lascia un commento

Facebook