Tossina Botulinica

tossina botulinicaÈ il trattamento estetico più praticato al mondo e consiste nell’andare ad iniettare minuscole quantità di tossina botulinica (opportunamente diluita) in corrispondenza dei muscoli superficiali di cui si vuole ridurre la contrazione. Dopo alcuni giorni dalle mini iniezioni i muscoli diminuiranno la forza contrattile per alcuni mesi (4-5 mesi) per poi riprendere appieno la loro funzione. Poiché nel volto i muscoli possono essere AGONISTI od ANTAGONISTI nei confronti di un certo movimento, il chirurgo agendo sui vari gruppi muscolari potrà ottenere vari effetti (spianamento delle rughe più superficiali, sollevamento delle sopracciglia, innalzamento degli angoli della bocca, ecc.) sulla base dei muscoli colpiti e di quelli di cui si vuole mantenere la funzione.

L’area maggiormente trattata è il 1/3 superiore del viso in cui si otterrà una riduzione delle rughe delle zampe di gallina, di quelle rughe frontali e glabellari con un innalzamento delle sopracciglia ed uno sguardo nel complesso meno arcigno. Con più accortezza può essere trattata anche l’area perilabiale (riduzione delle rughe e sollevamento dei lati della bocca) e il collo. I risultati, che sono molto piacevoli avendo l’accortezza di non bloccare completamente l’azione muscolare, permangono per circa 4-5 mesi.

Il medico che esegue questo trattamento (all’apparenza assai semplice) deve, al contrario possedere una elevata conoscenza della disposizione anatomica dei vari gruppi muscolari al fine di evitare delle sgradevoli, seppure transitorie, asimmetrie.

Il trattamento, che è indolore e si esegue in 15 minuti, non deve essere eseguito nei pazienti affetti da gravi malattie del sistema nervoso e nei soggetti allergici alle proteine delle uova.

Si consiglia al paziente di assicurarsi, chiedendolo, che la tossina botulinica utilizzata rientri tra quelle autorizzate dal Ministero della Sanità (Vistabex, Azzalure), poiché, purtroppo, in circolazione sono disponibili tossine botuliniche di costo inferiore ma di dubbia provenienza.

Lascia un commento

Facebook